Misurazione della pressione arteriosa: una breve guida pratica e alcune domande frequenti

La misurazione della pressione arteriosa (PAO – Pressione Arteriosa Omerale) è la registrazione tramite un apposito strumento della forza esercitata dal sangue contro la parete delle arterie. Solitamente si effettua a livello del braccio e si traduce in due numeri, che indicano la pressione arteriosa sistolica (massima) e diastolica (minima), espresse in millimetri di mercurio.

È importante misurare la pressione a partire dai 20 anni con regolarità. Per persone sane e senza fattori di rischio particolari, questo può voler dire una o due volte all’anno, frequenza che aumenta in caso di patologie, terapie croniche, familiarità, stato di gravidanza, età avanzata…

Per effettuare questa valutazione in condizioni di riposo, evitando la cosiddetta “ipertensione da camice bianco“, o in caso di malessere, è fondamentale avere in casa uno strumento adeguato e conoscere la corretta procedura per la rilevazione della pressione arteriosa.

Per maggiori informazioni è possibile consultare http://www.cuore.iss.it/prevenzione/ipertensione

Come si misura la pressione arteriosa

Monitor per la misurazione della pressione arteriosa

Prima di misurare la pressione arteriosa, mettiti ben seduto in un luogo tranquillo e rimani seduto per almeno 5 minuti.
Nell’ultima mezz’ora prima della misurazione non assumere caffè, alcool, non fumare e non eseguire attività fisica.
Durante la misurazione, ricorda di non parlare e di non muoverti, mantieni il corpo rilassato senza accavallare le gambe.

  1. Applica il bracciale

    Applica il bracciale sul braccio dominante, a meno che non sussistano controindicazioni (dolore, gonfiore, ecc…). Il bracciale deve essere aderente al braccio, né troppo stretto né troppo largo;

  2. Stendi il braccio

    Stendi e appoggia il braccio sul tavolo, mantenendolo alla stessa altezza del cuore;

  3. Accendi il dispositivo e avvia la rilevazione

    Accendi il dispositivo e avvia la rilevazione della pressione con l’apposito pulsante;

  4. Rimani fermo finché compaiono i valori sullo schermo

  5. Annota i valori e spegni il dispositivo

Quali sono i valori ideali della pressione arteriosa?

I valori di normalità dipendono da persona a persona , compatibilmente con i farmaci che si assumono, l’età, il sesso e lo stile di vita.
È sempre necessario confrontarsi con il proprio medico curante se i valori superano 180/100 mmHg e/o se sono accompagnati da sintomi o malessere.

Quando va effettuata la misurazione della pressione arteriosa?

È preferibile effettuare la rilevazione al mattino, prima di assumere la terapia e ricordando di rimanere a riposo.
Quando si eseguono sforzi fisici o si vive una forte emozione, sia positiva che negativa, i valori cambiano in maniera fisiologica e non sono affidabili.

Quante volte va misurata la pressione arteriosa?

Concorda con il tuo medico la frequenza di rilevazione. In linea generale, è bene controllarla almeno un paio di volte alla settimana, più frequentemente in caso di modifiche alla terapia abituale.

Cosa fare se si riscontrano valori alterati?

Se riscontri valori elevati o inferiori rispetto al solito, esegui un’altra misurazione dopo qualche minuto, anche cambiando braccio. E’ possibile effettuare anche una terza misurazione, soprattutto se ci si sente agitati, e considerare la media dei due valori più bassi.
Se riscontri una notevole differenza di valori tra braccio sinistro e destro, avvisa subito il medico.

Condividi questo articolo
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn